Funghi, muschi e licheni

Li abbiamo messi insieme ma in realtà si tratta di gruppi di organismi piuttosto diversi: i muschi (850 specie in Italia), insieme alle alghe e alle epatiche, sono piante considerate primitive; presenti sulla Terra prima della comparsa di fiori, frutti e piante vascolari (tutte le altre), hanno piccole dimensioni e si riproducono tramite spore. I funghi (circa 20.000 specie in Italia) sono oggi classificati in uno specifico regno in quanto, rispetto alla quasi totalità dei vegetali, sono organismi eterotrofi, ovvero non in grado di produrre in autonomia sostanze organiche. I licheni  (oltre 2000 specie in Italia) sono organismi molto particolari: frutto della simbiosi tra un’alga e un fungo, riescono a sopravvivere a condizioni estreme di temperatura e umidità ma sono sensibili ad alcune sostanze chimiche (e questo li rende utili spie dell’inquinamento atmosferico). L’interesse per questi organismi è spesso dettato dalla preoccupazione: si sa, alcuni funghi sono velenosi e scoprire che in giardino, nel prato o alla base di un albero, ne è comparsa un’intera famigliola può generare qualche timore, per non parlare delle misteriose croste grigiastre, gialle o aranciate dei licheni che compaiono sulle cortecce. Ma l’interesse può anche nascere dalla voglia di scoprire la bellezza e la varietà di forme e colori di questi organismi e allora perché non lasciarsi catturare dalla geometria delle lamelle di un fungo o dai paesaggi minuscoli e incantati che sembrano disegnare i cuscinetti di muschio?

Determinare a livello specifico muschi, licheni e funghi è complesso, richiede competenze specialistiche e necessita spesso di osservazioni al microscopio ed esami di laboratorio. Nonostante questo, partendo da fotografie chiare e dalla descrizione dell’ambiente in cui è stato fatto il ritrovamento, è possibile provare a mettere un po’ di ordine e fare qualche passo avanti nella conoscenza di questi gruppi di organismi.

 

2 pensieri su “Funghi, muschi e licheni

  1. Gentile Deborah il fungo fotografato appartiene molto probabilmente al genere Peziza (peziza vesiculosa?) che include specie terricole e lignicole a forma di coppa con consistenza gelatinosa.

  2. Fungo trovato tra gli intrecci di un balino di paglia durante il corso out-door presso il nido di Galliera. Come si chiama?
    grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *